Henri Matisse - Il Sipario Della Vita Dal 15 Giugno Al 20 Ottobre 2019

Dalle odalische ai papiers découpés, dalla ricostruzione in 3D della Cappella del Rosario di Vence alle foto della Magnum. Villa Fiorentino si è trasformata nello scrigno in grado di contenere le opere che meglio rappresentano l’estro creativo di Henri Matisse. Nelle sale della sede della Fondazione Sorrento, fino al prossimo 20 ottobre, è possibile ammirare l’eredità artistica del grande maestro francese del Novecento nella mostra dal titolo “Il Sipario della Vita”, che ha tutti i presupposti per essere uno dei principali eventi culturali dell’estate italiana.

Come si intuisce dal titolo scelto, l’esposizione allestita a Sorrento punta ad accendere i riflettori in particolare sull’impronta che l’artista diede al teatro ed in generale al suo lato scenografico e di creazioni ad “effetto”. Henri Matisse, infatti, non fu solo un grande pittore, considerato che si interessò anche alla realizzazione di costumi di scena, scenografie ed odalische.

Primo evento celebrativo a livello internazionale dei 150 anni dalla nascita del grande maestro nato a Cateau Cambresis il 31 dicembre 1869, la mostra presenta oltre 90 lavori, tra dipinti, disegni ed opere grafiche provenienti dal Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster, dalla Gallerie Maeght di Parigi e da Magnum Photos.

La mostra ospitata a Sorrento indaga anche il rapporto tra l’artista e le sue modelle. Infatti, Matisse si interessò anche di abiti e di alta moda, si dice che il maestro definisse le donne “attrici della sua arte”, considerandole il tema principale del proprio lavoro. Vengono presentati inoltre dei soggetti particolari, le odalische, per Matisse la sintesi ideale tra la rappresentazione della donna e l’ornamento vegetale o geometrico.

L’itinerario espositivo prosegue con i papiers découpés, un tipo di collage inventato da Matisse, la cui tecnica consiste nel ritagliare il colore per poi applicare le forme ottenute su tela. Ci sarà inoltre una sala con una ricostruzione in 3D della Cappella dela Santo Rosario di Vence, uno degli ultimi capolavori del grande artista realizzato prima della sua morte.

Una sala è dedicata interamente alla vita del maestro. Un documentario della durata di 50 minuti consente ai visitatori di ammirare Matisse all’opera nel suo studio ed alcuni dei suoi capolavori mentre una voce di fondo narra la sua biografia.

In occasione della mostra continua anche la collaborazione tra la Fondazione Sorrento ed il Liceo Artistico “Francesco Grandi“ con studenti e docenti che hanno ideato appositamente per la kermesse di Villa Fiorentino il progetto “Volare con Icaro”, che ispirandosi ad una delle opere dell’artista della serie “Jazz”, ha affrontato la tematica legata al coraggio di osare. Una sala dunque sarà dedicata ai lavori dei ragazzi. La mostra è accompagnata da un catalogo Edizioni Fondazione Sorrento.

Il vernissage della mostra è stato anche accompagnato da un buffet a tema proposto dallo chef Enrico Cosentino, l’inventore degli scialatielli che festeggia quest’anno i 60 anni di attività e si dedica alla formazione dei giovani collaborando con l’Istituto polispecialistico “San Paolo” di Sorrento. A lui il sindaco Giuseppe Cuomo ha consegnato un cofanetto intarsiato.

“Abbiamo vissuto giorni febbrili per l’allestimento della mostra a causa della delicatezza delle opere esposte – spiega l’amministratore delegato della Fondazione Sorrento, Gaetano Milano – ma siamo certi di aver fatto un buon lavoro per offrire ancora una volta al pubblico un evento in grado di lasciare il segno”.

“La mostra – aggiunge il presidente della Fondazione Sorrento, Gianluigi Aponte – è frutto di collaborazioni con un’istituzione culturale di grande prestigio come il Museo Picasso. Fare rete è una condizione essenziale per giocare un ruolo tra i grandi player dell’arte non solo in Italia, ma anche a livello internazionale”.

“Anche quest’anno Sorrento offre un evento culturale di rilievo assoluto – afferma il sindaco Giuseppe Cuomo -. Devo ringraziare la Fondazione, in primis il presidente Aponte e l’ad Milano, con l’intero consiglio di amministrazione e lo staff, per l’impegno nel proporre mostre in grado di migliorare sempre più l’offerta culturale della nostra città”.

“Ringrazio la città e la Fondazione Sorrento per la straordinaria accoglienza – conclude Roberto Accornero di Bridgeconsulting pro e curatore dell’esposizione -. Siamo certi che gli appassionati sapranno apprezzare la mostra che racchiude il meglio dell’arte di Matisse”.

Informazioni generali

Tariffe
• Intero 10 euro
• Ridotto 6 euro per i gruppi e scolaresche (si intende gruppo un aggregato di almeno 10 persone) e per i giovani dai 11 ai 18 anni compiuti, accompagnatori di diversamente abili
• Gratuito per diversamente abili, giornalisti accreditati, bambini fino a 10 anni

Orari di apertura:
Dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 21.


Mostra permanente di Carillons

Collezione Carillons di Enrico Salerno

Enrico Salierno
era un nostro concittadino, proveniente dal centro storico, che negli anni 60/70 al seguito e prima dei tanti sorrentini, intarsiatori ed ebanisti, che si trasferirono in America per commerciare il nostro prodotto tipico ( i cofanetti, i carrelli, i quadri, i tavoli da gioco etc.) sul quale veniva applicato l’intarsio, espressione artistica e manuale appartenente alla nostra cultura e tradizione classica, all’interno di un ciclo di lavorazione, nel cui ambito era previsto il montaggio dei carillon.

Fece fortuna Enrico e con cadenza più o meno annuale veniva a Sorrento, accompagnato dalla coniuge, per il piacere di intrattenersi con i colleghi, gli amici, i parenti e magari predisporre gli ordini da far arrivare al suo work – shop a Los Angeles.

Quando giunse alla fine del suo ciclo lavorativo (all’inizio del 2000) Enrico manifestò la volontà di testimoniare, in maniera tangibile, il suo attaccamento alle radici donando alla città ed agli artigiani sorrentini, la parte del suo patrimonio che più lo legava al mondo dal quale proveniva: una collezione rarissima di “carillon” raccolta negli anni, montati su mobili di cui alcuni di provenienza non sorrentina ed altri opera dei nostri artigiani.

Delegò l’amico di sempre Mario Cimmino per portare a termine l’operazione, non del tutto semplice.
La traduzione di questa volontà di Enrico più volte espressa, all’indomani della sua morte, è stata possibile grazie alla moglie di Enrico grazie altresì alla collaborazione tra il Comune di Sorrento e l’Unione Artigiani Intarsio Sorrentino, che insieme hanno reso possibile, attraverso un iter burocratico estremamente complesso, di trasportare le opere donate da Los Angeles a Sorrento.

Enrico aveva richiesto un posto fisso dove le suddette opere potessero essere custodite ed esposte: dove se non a Villa Fiorentino?

La Fondazione Sorrento è orgogliosa di comunicare l’apertura dello spazio dedicato alla Collezione Salierno al piano interrato della sala che verrà dedicata a “Enrico Salierno, artigiano di Sorrento”



Thomas Cook, grande preoccupazione per sorte imprese

Thomas Cook: Bocca, molto preoccupati per sorte imprese

Domani voto su emendamenti al dl "crisi aziendali" al Senato

 

 

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - "Siamo molto preoccupati per la sorte delle imprese e dei lavoratori italiani travolti dal fallimento di Thomas Cook". Lo dichiara il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, in attesa del voto sugli emendamenti al decreto legge "crisi aziendali" che dovrebbe svolgersi domani mattina in Senato, presso le Commissioni X e XI riunite.

 

"Quindici giorni fa - ricorda Bocca - al tavolo convocato dal Governo, insieme alle altre organizzazioni imprenditoriali abbiamo rappresentato al sottosegretario Bonaccorsi la gravità della situazione, segnalando la necessità di intervenire con urgenza. Ci era stato assicurato che sarebbero stati utilizzati tutti gli strumenti necessari ed oggi, per tutta risposta, la Commissione V del Senato ha espresso parere contrario a tutti gli emendamenti, che sono stati presentati dai parlamentari della maggioranza e dell'opposizione. Il parere negativo riguarda anche misure in favore dei lavoratori, che non costerebbero un centesimo alle casse dello Stato, in quanto sono state già pagate con i contributi dei datori di lavoro, e misure dal costo irrisorio, volte ad evitare una beffa clamorosa, che le imprese subiranno se saranno costrette a pagare IRES e IVA su crediti che non saranno mai incassati".

 

"Molti sono i paesi colpiti duramente dal crack di Thomas Cook - prosegue il presidente di Federalberghi - ma solo l'Italia sembra disinteressarsene. La Spagna ha varato un pacchetto da 800 milioni di euro per sostenere le imprese e i lavoratori. Nel piccolo Portogallo, lo stanziamento è di 150 milioni. Anche la Grecia ha adottato misure, che spaziano dalla cosiddetta IVA per cassa a forme di sostegno al reddito dei lavoratori".

 

"Confidiamo in una presa di posizione urgente del Ministro Franceschini - conclude Bocca - volta a far sì che anche le imprese ed i lavoratori italiani ricevano un concreto segnale di attenzione e non si ritrovino, ancora una volta, orfane, mentre i nostri competitor dimostrano di avere realmente a cuore le sorti dell'economia turistica".

 

CNZ/

S0A QBXB

 

BIG - Business Game Intergenerazionale

Ai nastri di partenza BIG il business game di CFMT che promuove la collaborazione tra generazioni.

Il sistema Federalberghi, dopo aver collaborato alla promozione delle adesioni, parteciperà al gioco con quattro squadre composte da giovani albergatori.

 

Federalberghi, se Iva sale declassiamo hotel 5 stelle

ZCZC2360/SXA

XIC15524_SXA_QBXB

B ECO S0A QBXB

 

++ Federalberghi, se Iva sale declassiamo hotel 5 stelle ++

Bocca, "Basta tassare turismo e lusso e accomunarci ai tartufi"

 

(ANSA) - RIMINI, 9 OTT - "Basta tasse sul turismo e sul lusso. Ci auguriamo davvero che non accada, ma se l'Iva fosse rimodulata e salisse al 22% per gli hotel di alta fascia, abbiamo già pronta una contromossa.

 

Declasseremo tutti gli alberghi a 5 stelle per risparmiare quel famoso 10% di cui si parla. L'Italia si troverà a non avere più alberghi a 5 stelle.

 

Non sta né in cielo né in terra accomunare i tartufi agli hotel di lusso". Lo dice all'ANSA il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca dal TTG Travel Experience di Rimini, commentando le indiscrezioni su un possibile intervento in manovra. (ANSA).

 

CNZ

09-OTT-19 11:38 NNN

 

ZCZC2581/SXA

XIC15888_SXA_QBXB

R ECO S0A QBXB

Federalberghi, se Iva sale declassiamo hotel 5 stelle (2)

 

(ANSA) - RIMINI, 9 OTT - "Torneremo alla situazione di anni fa: in Italia c'erano meno di 80 hotel di lusso perché avevano l'Iva altissima. Oggi sono più di 500, ma siamo pronti a scendere di nuovo a meno di 80. Tanto a noi delle stelle italiane non ci interessa... Ma che un nuovo governo come prima azione penalizzi i prodotti di lusso che siamo in grado di esprimere per abbassare l'Iva sui pannolini mi sembra una cosa solo populista. Giustissimo abbassarla, ma trovino i soldi da un'altra parte", sottolinea Bocca.

 

"Continuiamo a favorire bed breakfast e affitti brevi, continuiamo a non stanare gli abusivi e tassiamo solo gli imprenditori. Mi auguro che il ministro del Turismo Dario Franceschini che è anche capo delegazione del Pd su questo punto tenga botta", aggiunge Bocca.

 

"Ci avevano assicurato che non avrebbero toccato l'Iva – dice il presidente degli albergatori italiani - e invece mi dicono che ieri il ministro delle Finanze in audizione ha detto 'non si tocca ma la rimodulazione perché no?' Basta giocare sull'equivoco tra l'aumento e la rimodulazione... Continuiamo a sentirci dire che l'Italia deve puntare sulla qualità e poi la parola lusso sembra essere un peccato. Ogni volta che si parla di lusso ti vengono in mente le tasse. Abbiamo già visto cosa ha fatto il governo Monti: ha messo le tasse sulle barche e le barche sono scappate, poi hanno messo i superbolli sulle macchine. Basta penalizzare alberghi che, attirando clientela di lusso, portano grande indotto alle destinazioni. Tra l'altro con i prezzi più alti delle camere portiamo più Iva anche con il 10%". (ANSA).

 

CNZ

09-OTT-19 11:57 NNNN

 

Incentivi alle assunzioni nel Turismo - Manuale

Federalberghi ha realizzato un manuale dal titolo “Incentivi alle assunzioni nel turismo” che compendia le agevolazioni per i datori di lavoro che assumono determinate categorie di lavoratori. La pubblicazione è scaricabile dalla sezione "Le Guide degli Alberghi" dell'area riservata del sito Federalberghi (www.federalberghi.it).

il mio futuro è sostenibile - manuale per l'albergo empatico

Federalberghi, in collaborazione con il Centro di Formazione Management del terziario, ha pubblicato una nuova guida destinata agli albergatori, dal titolo “Il mio futuro è sostenibile. Manuale per l’albergo empatico”. Il testo affronta il tema della sostenibilità con un approccio innovativo, che non si limita ai consueti aspetti concernenti la sostenibilità ambientale in senso stretto, e contiene un’ampia rassegna di buone prassi messe in atto da alberghi di tutto il mondo. Il manuale contiene anche alcune check list per l’autodiagnosi aziendale, volte a sollecitare una riflessione sulle azioni che ciascun hotel può intraprendere per migliorare e rendere più “sostenibile” la relazione con i clienti. Il manuale è stato presentato al pubblico in occasione di un seminario organizzato dal Comitato Nazionale Giovani Albergatori, che si è svolto a Rimini dell’ambito del SIA Hospitality Design 2019. Il volume è consultabile e scaricabile gratuitamente dall’area riservata del sito Federalberghi, nella sezione “Le Guide degli Alberghi”.

Fallimento Thomas Cook

A seguito del fallimento del gruppo Thomas Cook, Federalberghi ha chiesto al Governo l’adozione di alcune misure a tutela delle imprese italiane che sono state colpite dall’evento. Nel contempo, per i turisti provenienti dalla Germania, clienti del gruppo Thomas Cook, la società assicuratrice ha reso disponibili le informazioni per richiedere il rimborso dei servizi alberghieri forniti. L'assicurazione copre i costi dell’albergo solo se fanno parte di un pacchetto turistico, in conformità alle disposizioni sulla direttiva europea sui pacchetti.

​​​​
Giunta Esecutiva (Roma) - 19/11/2019

Riunione della Giunta Esecutiva di Federalberghi

Riunione dei direttori (Sorrento) - 28/11/2019

Riunione dei direttori e dei segretari delle organizzazioni aderenti a Federalberghi